Mascherine solidali

Le farmacie Colli di Carpi partecipano al progetto di mascherine solidali promosso da una rete di farmacie dell’Emilia Romagna, Veneto e Piemonte e Lombardia.

Il 10% della vendita di mascherine da 2.50€ sarà devoluto in beneficenza per l’acquisto di un respiratore presso l’ospedale Sacco di Milano.

Dall’articolo di Voce del 23/04/2020

Compaiono anche le farmacie carpigiane Santa Caterina, di Marina Colli, del Popolo di Carlo Colli e San Benedetto di Lorenzo Di Maria nella rete di una trentina di farmacie di Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte e Lombardia che ha promosso la vendita di mascherine a scopo solidale. il 10 per cento del prezzo di 2.50 euro al pubblico verrà infatti devoluto all’ospedale Sacco di Milano per l’acquisto di un respiratore ospedaliero.

L’iniziativa di dar vita alla rete di farmacie impegnate in iniziative benefiche come questa si deve ad alcuni titolari che hanno scelto
il nome di Drink Team, visto che l’idea è nata a tavola, davanti a un bicchiere di vino, per ricordare due colleghi – Marco Masini
e Marco Belli – prematuramente scomparsi. «Siamo partiti da un gruppo di colleghi – ricorda Marina Colli – che si ritrovavano per amicizia, ma anche per scambi di pareri e per fare formazione professionale. L’anno di fondazione del Drink Team è stato il 2015 e poco a poco la rete si è estesa, praticamente in tutto il Nord, arrivando a sostenere con l’autofinanziamento iniziative benefiche promosse questo o quel collega. È così che abbiamo permesso la realizzazione di un laboratorio galenico in Kenya, dove andava in vacanza un nostro collega lombardo. O il sostegno di un orfanotrofio in Congo con l’iniziativa “Speranza per un bambino” ideata da un’altra collega di Mirandola. O ancora l’acquisto di una tenda da campo per i farmacisti volontari di Reggio Emilia che nel 2012 si spostavano in varie parti del cratere del sisma. Questa – conclude – è la prima iniziativa benefica nella quale abbiamo coinvolto anche la nostra clientela». Tutte insieme, le farmacie ne hanno acquistati 15 mila pezzi, ritenendo di raggiungere l’obiettivo entro l’autunno prossimo. Non si
tratta di mascherine medico-chirurgiche, ma “da passeggio” e “di rispetto”, che si distinguono per l’elastico tricolore e il tessuto riutilizzabile. Il modello è certificato dal Ministero della Salute potendo divenire utile anche per sanitari e reca il logo del
Drink Team per caratterizzare questa nuova operazione di solidarietà che il gruppo di farmacisti porta a termine mantenendo
fede ai principi di solidarietà ed amicizia.

Torna su