Dermatite Atopica

La dermatite atopica è una patologia cronica che provoca uno squilibrio del microbioma della pelle su soggetti geneticamente predisposti. Il microbioma, chiamato anche flora batterica, è l’insieme dei microrganismi – secondo gli studi si tratta di una colonia di almeno 100 mila miliardi di batteri, funghi e altri organismi – che colonizzano tutto il nostro organismo e che, tramite interazioni con l’ambiente circostante, svolge una serie di funzioni benefiche per l’essere che abitano.

Non colpisce solo i bambini ma coloro che sono geneticamente predisposti e quindi è frequente che più persone della stessa famiglia ne soffrano.

La dermatite atopica è una tra le condizioni più problematiche nei Paesi industrializzati, tanto che colpisce circa il 20% dei bambini ed il 3% degli adulti. In base alle statistiche, i casi di asma connessi alla dermatite atopica sono tre volte superiori nei paesi ricchi rispetto ai paesi in via di sviluppo.
Statisticamente, è stata registrata una maggior incidenza di dermatite atopica in soggetti particolarmente sensibili a disturbi allergici come asma o febbre da fieno.

Esistono fattori ambientali che possono contribuire al peggioramento della dermatite atopica. Tra questi un’eccessiva detersione, ambienti poco ventilati che possono causare la proliferazione di acari, esposizione ad animali,fumo e inquinamento.

Come si riconosce?

I sintomi pricipali che rendono la vita difficile sono rossori evidenti, sensazioni di fastidio, prurito intenso e pelle secca.

Quali sono le parti piu’ colpite?

Il collo e le guance, i gomiti e le mani, gli arti inferiori e l’inguine, le ginocchia e i piedi.

Come posso prendermi cura della pelle a tendenza atopica?

  • Mantenere una buona igiene e detergere con bagni brevi e con acqua tiepida.
  • Utilizzare detergenti a pH fisiologico senza saponi oppure utilizzare oli lavanti relipidanti
  • Asciugare la pelle tamponando e non strofinando
  • Applicare un balsamo emolliente a base di principi attivi lenitivi e lipidi naturali senza profumi e conservanti più volte al giorno. Utile può essere uno stick SOS da applicare più volte durante la giornata  anche quando si è fuori e il prurito è incoercibile.

Attenzioni verso l’ambiente in cui si vive

  • Non vestire troppo pesante la persona con dermatite e lavare i suoi vestiti con detergenti delicati, meglio evitare gli ammorbidenti.  E’ necessario evitare che il sudore resti troppo a lungo sulla pelle perchè non scateni il prurito.
  • Per una notte tranquilla, prediligere capi in cotone e togliere etichette dai capi per evitare irritazione.
  • Arieggiare sempre bene e a lungo la camera e non riscaldarla eccessivamente d’inverno: il calore eccessivo può causare prurito durante la notte.
  • Dopo lo sport detergere delicatamente e ammorbidire la pelle con un trattamento emolliente.
  • Evitare di esporsi al sole troppo a lungo senza protezione: un po’ di sole fa bene alla pelle a tendenza atopica, ma ma è necessario di proteggerla applicando una crema solare. Alcune creme solari sono testate per la pelle a tendenza atopica. Non dimenticare mai la protezione, perché le scottature solari bruciano ancora di più della pelle a tendenza atopica irritata.

Può essere utile l’utilizzo di un integratore?

Sono sempre più numerosi gli studi che fanno intravedere una soluzione nella supplementazione alimentare con probiotici, che rappresenta un valido aiuto per migliorare la gestione della malattia.

Nel caso della dermatite atopica esistono diversi ceppi batterici considerati utili, tra cui Lactobacillus salivarius LS01, il Bifidobacterium breve BR03e il Lactobacillus rhamnosus.

Alcuni studi condotti su individui adulti hanno dimostrato l’efficacia di questi probiotici nel ridurre l’eczema e la permeabilità intestinale, oltre a riequilibrare il sistema immunitario.

In farmacia puoi trovare tante linee cosmetiche formulate apposta per i soggetti atopici. Puoi trovare maggiori informazioni anche su questi siti:

Riferimenti bibliografici
1)Foolad N, Brezinski EA, Chase EP, Armstrong AW. Effect of nutrient supplementation on atopic dermatitis in children: a systematic review of probiotics, prebiotics, formula, and fatty acids. JAMA Dermatol. 2013; 149(3):350–355.
2) Guideline of care for atopic dermatitis, J Am Acad Dermatol 2004; 50:391-404.

Torna su